Qualcuno ha detto...

“L’unico indiano buono è l’indiano morto “! 
Gen. William Sheridan

“Schiacciate anche le uova e non avrete più pidocchi”! 
Gen. Ronald Mackenzie

“E’ facile cosa per chiunque cogliere gli aspetti più evidenti del carattere degli indiani, e cioè che essi sono brutti, puzzolenti, infidi, ingrati, spietati, crudeli e pigri”! 
Gen. Gorge Crook

“Durante l’inverno giacciono in uno stato di semi torpore in una buca del terreno ed a primavera strisciano fuori sulle mani e sulle ginocchia per mangiare l’erba e riacquistare le forze per mettersi in piedi.
Non hanno vestiti e praticamente non conoscono cibi cotti. Non c’è posto per alcun anello mancante che li separi dalle bestie…”! 
Hubert Bancroft, storico


Altri pensano...

“Io amo una gente che mi ha sempre dato il benvenuto con quanto di meglio aveva… Che è onesta senza leggi, che non ha carceri o case per i poveri…
Che prega Dio senza una Bibbia e crede che Dio la ami…
Che non ha mai alzato una mano su di me o rubato una cosa mia, anche se non c’è legge che lo punisca..”. 
George Catlin , pittore,1830

“ Mentre visitavo un villaggio indiano nel Dakota, andai nella tenda del Capo, dove avrei dovuto passare la notte. Il Capo uscì fuori e mi ricevette, mentre la sua squaw toglieva la sella al mio cavallo, posandola poi presso la tenda. Chiesi allora al Capo se la mia roba sarebbe stata al sicuro ed egli mi rispose : “Sì , Amico; non c’è un solo bianco a meno di due giorni di cavallo da qui “! 
da – The Frontier Trail

“ Gli uomini bianchi sono educati, hanno libri e sanno esattamente ciò che conviene fare, ma non ce ne sono due, fra di loro, che siano d’accordo su quello che si dovrebbe fare…”. 
Coda Chiazzata Sioux


Loro hanno dichiarato...

“ Non si vende la terra su cui si cammina… “ !
Cavallo Pazzo

“Non sono in cerca di nessun Grande Padre. Mio Padre vive con me e non c’è nessun grande Padre tra me e il Grande Spirito “ ! 
Cavallo Pazzo al
Mag. McGillicuddy – U.S.Army


“ La terra fu creata con l’aiuto del sole, e tale dovrebbe restare. La terra fu fatta senza linee di demarcazione e non spetta all’uomo bianco
dividerla…” ! 
Capo Giuseppe – Nasi Forati

“La vostra gente stima gli uomini quando sono ricchi: perché hanno molte case, molta terra, molte squaws, non e così…” ? “ Sì…” ! “ Bene diciamo allora che il mio Popolo mi stima perché sono povero. Questa è la differenza “ !
10 novembre 1887. 
Toro Seduto al
New York Herald

 

 

 

 

 

 

Il Tempo è giunto 

Terra da giallo orizzonte
verso di Te cammino,
giunto alla tarda età,
in cerca della notte.

Un tempo danzavo 
assieme al Fanciullo dell’Alba
in una terra tutta bianca.

Danzando, Egli è sparito ad occidente,
trovando il suo riposo.

Lo stesso faccio io,
Giallo Orizzonte,
verso di te avanzando.

Luci

Il sole è uno scudo luminoso
che un dio un giorno ha creato
e appeso presso il sentiero blu.
La luna è la torcia
di un vecchio uomo
che inciampa nelle stelle.

57 Canti Navajo
La voce della pioggia
è la mia voce
(Mondadori – 19 ottobre 1998 )

Geronimo Apache Chiricahua

Basso, tarchiato, con occhi scintillanti color ossidiana, dai messicani era chiamato Geronimo (Jerome in spagnolo). Il suo nome Apache era goyaatohle, o "colui che parla sbadigliando", fu poi col nome di "Geronimo" che divenne famoso in bene e in male. La sua carriera di leader di una piccola banda di apache, si alternava a periodi di inattività in aride riserve e a momenti da fuggitivo tra le montagne del nuovo messico, Messico e Arizona. Era maestro nelle incursioni lampo, che portavano il panico su entrami i lati del confine sud-occidentale. La moglie e i figli di Geronimo furono uccisi dalle truppe messicane, avvenimento questo che accese in lui la violenza e un odio senza fine. Gli americani comunque, dovettero proprio uscire dalla loro strada per trovarselo contro. Uno studio del governo riportò che solo dopo numerosi atti di tradimento e crudeltà da parte delle truppe U.S. e dei borghesi, l'Apache diventò per loro implacabile nemico. La campagna contro gli apache doveva diventare una delle più dure di tutte, così fu anche per Geronimo, che facendo riferimento a se stesso, diceva "non sbaglio mai senza un motivo...".



Tahka ushte


Il vecchio avrebbe interpretato la mia visione per me.
Mi disse che il pozzo di visione mi aveva cambiato in un modo che non sarei stato in grado di comprendere in quel momento.
Mi disse che non ero più un ragazzo, che ero un uomo.



Saupaquant


La madre terra si ricorderà dei suoi figli che le si aggrappano per rimanere vicino a lei e che seguono gli insegnamenti originali:
tutti insieme sopravviveranno alla purificazione.



Haudenosaunee


Con il calore del nostro fratello sole la terra non gelerà.
Con il suo calore e il suo potere le cose cresceranno.



Le radici di una pianta scendono nel terreno, e più scendono, più trovano l'umidità in accordo con le leggi della natura, a dimostrazione della saggezza di walkan tanka.



Toro seduto Teton, Sioux Hunkpapa

Una delle arti della maggior parte dei nativi americani, ancor più importante della coltivazione e della caccia, fu la guerra. Il fine ultimo della guerra, per gli europei era la morte e la distruzione; per i nativi americani il fine era l'onore. L'onore fu grossolanamente scambiato con la smania di distruggere. Nella guerra, spesso crudele fra stati uniti e nativi americani, una delle più grandi vittorie ottenute dagli uomini rossi fu nel luogo conosciuto dai dakota come Greasy Grass River e dai Crows come Little Big Horn. La vittoria fu nel 1886 e gli stati uniti, durante la celebrazione del centenario, erano irritati per il "massacro" perpetrato da Toro Seduto, Gall e gli hunkpapa, cavallo pazzo e gli oglala, minnecojou, sans arc, piedi neri, shyela, santee e yanktonai. La battaglia finì in meno di un'ora. Le truppe statunitensi morirono fino all'ultimo uomo. Il loro capo era un giovane temerario conosciuto come George Armstrong Custer. Fu il momento più alto della resistenza dei nativi e fu anche l'inizio della fine. Il governo degli stati uniti decise che era di andare tutti contro i sanguinari selvaggi.

Canto del Sacro Fanciullo dell'Alba

Dove la casa di roccia rossa s’alza al cielo,
lì…sono io.
Presso i ketahwns *
posati sulle soglie,
lì…sono io.
Nella casa della lunga vita,
nella casa della bellezza,
lì…sono io.
Davanti a me bellezza,
bellezza dietro a me,
bellezza sopra di me,
bellezza alle mie spalle,
lì…sono io.
Con essa mi incammino 
su un sentiero di luce.

57 Canti Navajo - La voce della pioggia è la mia voce
( Mondadori  - 16 ottobre 1998 )
* bastoncini sacri con valore propiziatorio

Ninnananna

La mia piccola 
è venuta al mondo
per raccogliere rose selvatiche.
E’ venuta al mondo
per scuotere dalle spighe
con le sue piccole dita
il riso selvatico.
Per raccogliere in primavera
il succo della giovane 
pianta di cicuta.
Questa piccola bimba 
è venuta al mondo
per raccogliere fragole,
per riempire i cestini di mirtilli,
di sambuco, e di bacche di bisonti.
La mia piccola è venuta al mondo
per raccogliere rose selvatiche.

Canto Tsimshian
Terra, Acqua, Vento - (Ed. Red – 1997)

Il Giuramento di Cavallo Pazzo

La casacca venne fatta indossare e Gli venne appuntata poco più su della nuca un’unica penna d’aquila, orizzontale, come la linea in cui la terra tocca il cielo. Un uomo ancor più vecchio del precedente si alzò a parlare dei nuovi doveri che Lo attendevano, doveri più pesanti di quelli già detti: “Porta questa casacca, Figlio mio,e sii generoso. Aiuta gli altri, sempre. Non pensare mai a te stesso. Abbi cura dei poveri, delle vedove, degli orfani e di tutti quelli di poco potere: aiutali. Non pensare male degli altri, e ignora il male che altri vorrebbero farTi. Molti cani potranno venire ad alzare la zampa presso la Tua tenda: Tu guarda dall’altra parte e non permettere che il Tuo cuore ne serbi memoria. Non dare sfogo all’ira, nemmeno se i parenti Ti giacessero davanti insanguinati. So che è difficile tutto ciò, Figlio, ma abbiamo scelto te perché hai un grande cuore. Assolvi con gioia questi doveri, e di buon grado. Sii generoso, forte e coraggioso nell’assolverli, e se Ti si parerà davanti un nemico affrontalo intrepidamente, perché è meglio morire nudi da Guerrieri che vivere paludati con un cuore gonfio d’acqua nel petto”!

Mary Sandoz: ”Cavallo Pazzo” - “Lo strano uomo degli Oglala” Tashunka Wuitko - “Il Giuramento”