"A volte il guerriero della luce si comporta come l'acqua, e fluisce fra
gli ostacoli che incontra.
In certi momenti, resistere significa venire distrutto. Allora egli si adatta
alle circostanze. Accetta, senza
lagnarsi, che le pietre del cammino traccino la sua rotta attraverso le montagne. In questo consiste la forza dell'acqua: non potrà mai essere spezzata da un martello,o ferita da un coltello. La più potente spada del mondo non potrà mai lasciare alcuna cicatrice sulla sua superficie.
L'acqua di un fiume si adatta al cammino possibile, senza dimenticare
il proprio obiettivo: il mare. Fragile alla sorgente, a poco a poco acquista la forza degli altri fiumi che incontra.
E, a partire da un certo momento,
il suo potere è totale." 

Manuale del guerriero della luce Paulo Coelho


RASSEGNA STAMPA

La Nazione - 9/20/2008
Non solo la Polizia,
Fermiamo i loro affari.

Il Quotidiano - 6/21/2008
"Corioni", Paganini presenta il
"Gomorra" calabrese
.

La Nazione - 4/13/2008
Storie di 'ndrangheta nel libro
di Paganini

Il Secolo XIX - 4/12/2008
Vittorio Paganini, dalle imprese
con i NOCS alla letteratura gialla

Visualizza tutti gli articoli


Corioni
di Vittorio Paganini


Dodici giorni, poco meno di due settimane, questa la durata della cronaca.
Corioni, Sud Italia, il teatro delle vicende. Sergio Corsi, il protagonista.
Ecco la scheda, il file di questo manoscritto in due sole righe; poco per capire cosa si celi all’interno delle trecento avvincenti pagine, ma abbastanza per chi ha terminato la lettura: sono tre elementi distintivi, unici e sintetici per identificare quest’avventura.
Primi di novembre; un’efferata esecuzione viene portata a termine nel volgere di pochi e concitati minuti, vittima il capo indiscusso del clan Tabacco, esecutori i fratelli Nico e Giuseppe Geraci. Due nuove vittime si aggiungono alle numerose che hanno contrassegnato la sanguinosa, decennale guerra fra i due clan.
Gli inquirenti, con tutta la “catena” di comando, i giudici ed i potenti nelle stanze dei ministeri devono dare un segnale forte e duraturo. Soprattutto non possono permettere che accadano ulteriori azioni di questa portata senza ottenere dei risultati nell’opera di contrasto.
Dove, quando, manca solo il “chi”: Sergio Corsi, appunto, comandante dei N.O.C.S. 
(Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza ) della Polizia Italiana.
Il NOCS, gruppo speciale della Polizia di Stato addestrato per portare a termine operazioni ad alto rischio - come la liberazione di ostaggi, le irruzioni per la cattura di criminali e terroristi - è dotato di equipaggiamenti speciali ed è un vero e proprio team di pronto intervento in grado di intervenire, con supporto di mezzi terrestri, aerei e navali, su tutto il territorio nazionale.
La storia narrata dalla mano veloce ed esperta di Vittorio Paganini mette in risalto le doti di leader del comandante Corsi, ponendo l’accento sulla professionalità di quest’uomo, senza peraltro metterne in secondo piano le caratteristiche umane, che vengono a galla nella storia d’amore con l’affascinante Michelle, e nei rapporti con i membri del team.
L’autore dosa sapientemente tutti gli ingredienti con un equilibrio che si volge tutto a favore del lettore. L’ambiente malavitoso, impregnato di omertà, offre una chiara visione del background con il quale gli investigatori hanno a che fare. Questo propone nel contempo una panoramica più che esaustiva sulle difficoltà di chi si trova ad operare quotidianamente, con impegno ed onestà, in questa dimensione di lotta contro il crimine, non vengono risparmiati fra l’altro netti riferimenti alle difficoltà economico organizzative legate alla carenza di fondi e mezzi del commissariato. Le logiche legate alla parte più squisitamente burocratica e normativa dell’inchiesta, che in più occasioni si rivelano quasi un freno allo svolgimento più operativo, sono  a tratti una seconda sfida da affrontare per i protagonisti.
Si arriva senza ombra di dubbio ad affezionarsi alla “normalità” di tutto il gruppo al comando del quale si trova Corsi. Uno staff di professionisti veramente preparati, sia fisicamente sia psicologicamente, ma che volutamente non lascia mai trasparire le forzate caratteristiche che siamo soliti avere nelle rappresentazioni cinematografiche che vedono in scena i “colleghi” negli action movies made in Usa. Infatti, non ci viene proposto un manipolo di Rambo con il coltello fra i denti che riesce a venir a capo della cattura con la potenza di fuoco e la sola superiorità numerica; anzi, nell’azione che porterà finalmente alla cattura di Nico Geraci e del fratello non un solo colpo d’arma da fuoco verrà esploso e la Dea bendata offrirà il suo aiuto al manipolo di uomini coinvolti nel raid, permettendo  loro di scoprire il nascondiglio del latitante.
Questi aspetti di normalità dei protagonisti - uomini appunto e non attori di Hollywood - unitamente allo svolgimento narrativo, regalano una piacevole sensazione di reale, di vero che diventa storia. Una bilanciata serie di elementi racchiusi nella cronaca di dodici giorni si tramutano in alcune godibili ed appassionanti ore di lettura.


Leggi un estratto da "Corioni"

Leggi la scheda di presentazione del libro

Corioni è attualmente fuori catalogo - Pubblicato nel 2008
 

 

Benché abbia passato tutto quello che ho passato, non mi pento  dei problemi che mi sono creato, perché mi hanno portato fin dove desideravo arrivare.
Adesso, tutto ciò che possiedo è questa spada, e la consegno a coloro che vogliono procedere nel proprio pellegrinaggio.
Porto con me i segni e le cicatrici dei combattimenti: sono le testimonianze
di ciò che ho vissuto, e le ricompense per quello che ho conquistato.
Sono questi segni e queste cicatrici amate che mi apriranno le porte del Paradiso. C’è stato un periodo in cui vivevo storie di eroismo.
C’è stato un periodo in cui vivevo solo perché avevo bisogno di vivere.
Ma adesso vivo perché sono un Guerriero e perché voglio trovarmi un giorno in compagnia di Colui per cui tanto ho lottato.

Paulo Coelho


RASSEGNA STAMPA

Stampa nazionale - 4/30/2008
Ore sei e trenta,
operazione compiuta

Stato oggi- 9/1/1989
In NOCS all'assalto dell'anonima sarda

Che c'è - 10/10/2005
Maestri a confronto, incontro con
Carlo Lucarelli e Vittorio Paganini

Visualizza tutti gli articoli


Il sequestro
di Vittorio Paganini


La Redazione del Giallo Mondadori ha deciso di assegnare il premio Tedeschi edizione 2004 per il migliore giallo italiano inedito a "Il sequestro di Vittorio Paganini" con la conseguente motivazione: 

“Per la lucidità della ricostruzione, che rivela una precisa conoscenza della materia; per il sapiente intreccio temporale che imprime alla vicenda la scansione del thriller; per la sofferta umanità del protagonista, integralmente votato alla causa della giustizia ma responsabile con le proprie decisioni della vita o della morte dei compagni”.

La Redazione
Carlo Lucarelli
Un giallo che ha il sapore della verità”.

Carlo Lucarelli
Sergio Corsi non è il suo vero nome.
E’costretto a farsi chiamare così perché per tanti anni ha fatto un lavoro in cui era meglio non far sapere a tutti chi era, dove abitava e che faccia aveva. E anche adesso che quel lavoro non lo fa più, o meglio, che lo fa in un altro modo, continua ad essere una buona idea adottare qualche precauzione…
Come un nome diverso per raccontare una storia. Un nome qualunque. Sergio Corsi.

Premio Letterario Internazionale "Maestrale" -
San Marco
Marengo d’Oro (XI^ edizione – 09 settembre 2007) - I^classifiicato – Sez. B – Romanzo edito
a Vittorio Paganini con
Il sequestro”

Motivazione:
“Questo romanzo si affida alle strategie strutturali e ai meccanismi della narrativa giallistica, utilizzando un linguaggio agile e comunicativo che corrisponde alla pregnante attualità dei fatti narrati, coinvolgendo sapientemente il lettore nei complessi dinamismi di una realtà scottante.
Come afferma correttamente Lucarelli, si tratta di un giallo che ha il sapore della verità.

P
residente della Giuria
Graziella Corsinovi

XXIV Premio Firenze
- Sezione D - Narrativa Edita
Fiorino d’Argento” a Vittorio Paganini per il volume Il Sequestro”
(Arnoldo Mondadori editore- Milano 2004)

Con la seguente motivazione:
“Il Sequestro” di Vittorio Paganini è un giallo non giallo che parte da una esperienza reale.
E’ la storia della vita, con tutte le sue sfumature, di un gruppo di poliziotti che vigilano sulla sicurezza dei cittadini. E’ una prosa burbera, a volte anche graffiante, a seconda delle situazioni in cui si trovano i protagonisti. Ricchi di significato gli incisi sull’agitarsi dei sentimenti percepiti durante le indagini e il ferimento di un collega. Libro che si legge tutto di un fiato e che coinvolge il lettore.
La segreteria

Il sequestro è attualmente fuori catalogo - Pubblicato nel 2004 da A. Mondadori editore
 

 

 

L’avversario è sapiente e scaltro.
Appena può afferra l’arma più efficace: l’intrigo.
Quando se ne serve, non ha bisogno di fare grandi sforzi perché altri stanno lavorando per lui.
Con parole male orientate, vengono distrutti mesi di dedizione, anni di ricerca dell’armonia.
Sovente il Guerriero della Luce rimane vittima di questa trappola.
Non sa da dove provenga il colpo, e non ha modo di dimostrare che l’intrigo è falso.
L’intrigo non permette il diritto alla difesa:condanna senza processo.
Allora Egli sopporta le conseguenze e le punizioni immeritate,poiché la parola ha un suo potere, e il Guerriero lo sa.
Ma soffre in silenzio,e non usa mai quell’arma per attaccare l’avversario.
Un Guerriero della Luce non è Vigliacco!

Paulo Coelho


RASSEGNA STAMPA

Stampa nazionale - 3/4/2008
Grazie uomini d'acciaio...

Stampa nazionale - 3/4/2008
Belardinelli liberato dai NOCS senza sparare un colpo

Visualizza tutti gli articoli


NOCS: il caso Belardinelli
di Vittorio Paganini


Libro-dossier che racconta la gestione del sequestro Belardinelli, e le operazioni che hanno portato alla liberazione dell'imprenditore fiorentino.


NOCS: il caso Belardinelli è attualmente fuori catalogo - Pubblicato nel 1993 da Il gabbiano